Tendinopatie

I tendini sono strutture fibrose che hanno il compito di mantenere unite le ossa ai muscoli, trasmettendo le contrazioni e la “forza” di questi ultimi. Nel nostro corpo se ne contano ben 267 e, nonostante la loro grande resistenza, possono andare incontro a processi infiammatori o degenerativi, a loro volta causa di dolore e di diminuzione della funzionalità e della forza muscolare. L'infiammazione tendinea è solitamente determinata da carichi di lavoro eccessivi che sollecitano ripetutamente la struttura, “stressandola”. Il dolore acuto può anche essere molto intenso e deve essere trattato con tempestività, per evitare che cronicizzi. Vizi posturali, attività sportive eseguite in modo scorretto o eccessivo, o anche l'utilizzo di calzature inadatte possono essere altre comuni cause che portano a sviluppare una tendinopatia. Inoltre, con l'avanzare dell'età i tendini diventano fisiologicamente meno resistenti e sono più soggetti a traumi e lesioni.

In ogni caso, un buon allenamento, che preveda esercizi di stretching e riscaldamento prima dell'attività sportiva, oltre al mantenimento di una postura corretta durante le normali attività quotidiane, rappresentano degli accorgimenti in grado di prevenire problemi di questa natura.

In caso si presenti uno stato doloroso, si può inizialmente fare ricorso a trattamenti topici a base di farmaci antiinfiammatori, quali Flector® 1% Gel, contenente diclofenac idrossietilpirrolidina, che riesce a svolgere la sua azione farmacologica rapidamente e in modo mirato sul tendine dolorante.