Dolori articolari

In Italia molte persone soffrono comunemente di dolori articolari che influiscono negativamente sullo svolgimento delle loro normali attività quotidiane, rappresentando un costo sociale importante. Questa condizione dolorosa è più comune dopo i 55 anni di età e potenzialmente può riguardare ogni articolazione, anche se quelle maggiormente interessate sono ginocchia, gomiti, mani e piedi.

Il dolore articolare è provocato solitamente da infiammazione delle cartilagini o dei legamenti, sottoposti a eccessive sollecitazioni; può essere passeggero, anche a causa di leggeri traumi, e in questo caso non deve destare preoccupazione; tuttavia, se diventa persistente, non può essere trascurato, in quanto potrebbe segnalare l'inizio di un processo di degenerazione delle cartilagini, ovvero dell'osteoartrosi.
Questa patologia può portare a progressiva usura della cartilagine e deterioramento dell'osso, con riduzione della mobilità articolare associata a dolore localizzato. Nelle forme lievi, il dolore può essere tenuto sotto controllo con gli antiinfiammatori analgesici - come Flector® 1% Gel - una formulazione topica a base di diclofenac idrossietilpirrolidina che, penetrando attraverso la pelle, riesce a svolgere un'azione farmacologica mirata in corrispondenza dell'articolazione dolente.

È importante comunque intervenire anche sullo stile di vita, riducendo i fattori di rischio per le articolazioni: svolgere attività sportive “dolci”, mantenere sotto controllo il peso corporeo ed eseguire esercizi specifici per rinforzare la muscolatura di supporto.